Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Lago di Obersee, a due passi dal Lago di Anterselva

Durante i miei vari soggiorni estivi e invernali a Dobbiaco ho esplorato continuamente tutta la Val Pusteria in ogni suo angolo più remoto. Sono innamorato di questi posti e ci tornerei ogni anno anche se in fin dei conti mi piace scoprire posti nuovi.
In ogni caso nell’estate 2009 sono stato anche nella Valle di Anterselva, una splendida vallata stretta che termina con l’omonimo lago (Lago di Anterselva) contornato da splendide montagne alpine.
La strada che raggiunge la valle lambisce il lago giungendo fino all’estremità opposta dello stesso. Proprio da qui parte un’altra strada vincolata da un semaforo che permette l’accesso solo ad intervalli regolari di 30 minuti per consentire l’afflusso del traffico nei due sensi di marcia. Ignaro di quello che mi aspettasse, mi metto in coda con la mia auto aspettando che il semaforo diventi verde. Non appena giunge il nostro turno iniziamo a percorrere questa strada che diventa sempre più stretta fino a toccare minimi di 2,5 metri circa. Più ci si addentra nella vallata e si sale, più lo spettacolo diventa affascinante e la visuale tra gli alberi regala splendidi scorci sul Lago di Anterselva. L’unica cosa negativa è che non ci si può fermare in quanto si ostruirebbe il passaggio a chi sussegue ed oltretutto si rischierebbe di ritrovarsi le auto provenienti dall’altro senso di marcia.
La strada che si percorre in circa 10 minuti conduce al Passo Stalle situato a ben 2.052 m.s.l.m.. Questo valico alpino divide l’Italia dall’Austria ed infatti proprio sulla sella finale troviamo il cartello che indica il confine e che ci fa da apripista allo splendido Lago di Obersee, un piccolo lago di origine glaciale situato proprio al confine del territorio nazionale.

Intorno al lago c’è un sentiero che permette di girargli intorno completamente, sia a piedi che mountain bike. In qualche punto si trovano anche tavolini in legno con panche per concedersi un po’ di riposo e magari fare un bel pic-nic.
Il posto lassù è proprio surreale e tutti come noi si fermano a respirare un po’ d’aria fresca, a fare foto, rilassarsi nella splendida cornice alpina e riempire le bottiglie con della freschissima acqua che sgorga da una caratteristica fontana.
Nei pressi del lago, nel territorio italiano proprio al confine austriaco, è disponibile un rifugio ed un ufficio informazioni nel quale si possono reperire cartine e percorsi di ogni genere.

Il lago è molto frequentato da turisti di passaggio, come nel nostro caso, ma anche dagli appassionati di pesca che nelle limpide acque del Lago di Obersee cercano di catturare trote e temoli, nonché, molto più rari, i grossi salmoni del Danubio.
Il Lago di Obersee è pertanto un ottimo punto di riferimento sia da utilizzare come traguardo di appaganti salite in mountain bike, sia per godersi il fresco ed il riposo, sia come punto di partenza per trekking sulle bellissime cime alpine.
Nella stagione invernale la strada che conduce al valico non viene aperta e pertanto la visita è vincolata dalla presenza o meno della neve. Quando ci sono stato io c’erano un paio di metri di neve e pertanto mi sono concesso delle splendide passeggiate con gli sci da fondo.

Per esperienza personale devo consigliarvi di fare molta attenzione alle biciclette che transitano nella strada a senso unico alternato. Salendo mi è capitato di incrociare dei ciclisti indisciplinati che sono passati molto probabilmente con il rosso. Al contrario, i ciclisti che vanno in salita potrebbero non aver tempo sufficiente per arrivare in cima al valico e perciò quando si scende con la macchina se ne possono incontrare molto facilmente.
Se ci si trova nella zona della Val Pusteria non posso far altro che consigliare una visita al Lago di Obersee e naturalmente al vicino Lago di Anterselva con la sua splendida vallata.

OLTRE 50 ANNI DI COSMÉTIQUE VÉGÉTALE®

 

Tag(s) : #Viaggiare in Europa

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: