Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Piccoli scienziati crescono

Quando mia figlia ha compiuto 9 anni, per il suo compleanno ha scelto di farsi regalare questo bel gioco della Clementoni, anche se a dire il vero, chiamarlo solo gioco mi sembra riduttivo.

E’ consigliato dagli 8 anni in su e permette di avvicinarsi alla scienza in modo simpatico e divertente.

La scienza in più di 100 esperimenti - Clementoni 19032

CONTENUTO DELLA SCATOLA:

  • Modello in 3D di un vulcano
  • Colorante rosso
  • Guanti in lattice
  • Pipette graduate
  • Cucchiaino
  • Pinzette
  • Agitatore
  • Bicchieri con tappi
  • Chiavetta di sicurezza per provette
  • Provette con tappi
  • Portaprovette
  • Occhiali protettivi
  • Sostanze chimiche (da usare sotto la supervisione di un adulto)
  • Specchietti
  • Cartoncini illustrati
  • Elementi per l’identikit
  • Lettore circolare dei codici segreti
  • Bottone a scrocco
  • Schede delle impronte digitali
  • Palloncini
  • Ago magnetico
  • Trottola
  • Cannucce
  • Elastici piccoli e grandi
  • Scatolina in plastica
  • Vasetti di plastica
  • Pastiglie di torba
  • Busta di semi
  • Chiodino giallo
  • Cardstand
  • Base per bussola
  • Manuali illustrati
La scienza in più di 100 esperimenti - Clementoni 19032

Detto così sembra che la scatola contenga un’infinità di oggetti, ma presto ci si renderà conto che molti sono superflui, o comunque sono cose che già si possiedono a casa. E se anche non le avessi, andarle a comprare costerebbe pochi centesimi.

Alcune cose devo dire che effettivamente sono abbastanza inutili o comunque vengono elencate nella scatola per darti l’idea che dentro ci sia chissà cosa. Penso ad esempio al guanto in lattice, sarà anche utile, ma in fin dei conti chi non ha un guanto a casa da poter utilizzare?!? Anche il portaprovette... detta così sembra chissà cosa, in realtà è un pezzettino di cartoncino dove puoi mettere 3 provette... nulla di più!

Altri oggetti, a onor del vero, sono graziosi e pratici e più che altro fanno sentire il bambino che riceve il gioco un vero scienziato. Penso ad esempio agli occhialini; mia figlia è la prima cosa che ha montato ed ha voluto indossare. Anche le pinzette, la cartina per misurare il ph e le provette ti fanno sentire un vero chimico!

 

I 2 manuali propongo tantissimi esperimenti che vengono raggruppati nelle seguenti sezioni:

  • Giochi di acqua e aria
  • Giochi di luce e colori
  • All’aria aperta
  • Pollice verde
  • Nei panni di 007
  • Contro la noia

                           

Alcuni “esperimenti” si possono fare in un batter d’occhio, come ad esempio tutti quelli legati alle illusioni ottiche, mentre altri richiedono un pochino più di tempo. La cosa carina è che la maggior parte di essi si possono ripetere più volte, dando la possibilità al bambino di poter apprendere meglio e mostrarli con soddisfazione a più persone.

 

Se dovete fare un regalo, sicuramente la scatola ben si presenta, è voluminosa ed appare subito come un qualcosa di grande interesse, che catturerà l’attenzione di tutti quei bambini curiosi di scoprire il mondo e il perché di tanti fenomeni. Il rapporto qualità/prezzo mi sembra sia ottimo, e sicuramente lo consiglio, anche perché questa è una fascia di età in cui si comincia ad avere difficoltà a far regali. Sicuramente con questo gioco il bambino si sente più grande, responsabile e accresce la sua voglia di apprendere. Sotto forma di gioco si appassioneranno alla scienza e ai perché delle cose.

 

Se vogliamo trovare un difetto, a parte quello che dicevo prima, del fatto che secondo me alcuni pezzi vengono inseriti giusto per fare numero, un altro potrebbe essere la presenza di un adulto supervisore per effettuare la maggior parte degli esperimenti, soprattutto quelli in cui vengono utilizzate le sostanze chimiche. A dire la verità quest’ultima cosa io e mia moglie la prendiamo ben volentieri, la vediamo come un’occasione per fare un qualcosa in più tutti insieme e quindi non ci pesa affatto, ma capisco che non tutti i genitori magari la potrebbero apprezzare, preferendo dei giochi che il proprio figlio possa svolgere da solo nei momenti in cui i genitori sono impegnati.

 

L’esperimento più divertente ed entusiasmante è stato sicuramente la simulazione dell’eruzione vulcanica. Semplicemente aggiungendo un po’ di aceto e un po’ di bicarbonato al colorante, avviene una piccola reazione chimica che dà l’idea del vulcano che erutti veramente... semplice, forse banale, ma molto carino e ad effetto, anche per noi genitori.

OLTRE 50 ANNI DI COSMÉTIQUE VÉGÉTALE®

 

Tag(s) : #Giochi e Videogiochi

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: